Italia patria di vitigni

L’Italia patria di vitigni d’eccellenza. L’Abruzzo si fa onore

L’Italia patria di vitigni, lo confermano MioDottore e un sondaggio di Supermercato24.

Solo nel 2019, sono stati acquistati in Italia 850.000 litri di vino.

Da Nord a Sud, i vini frizzanti sono quasi d’obbligo nel carrello degli italiani. A seguire i vini di alta e media qualità, rossi e bianchi.

Tra le città con un maggior numero di consumo, Milano e Roma sono ai vertici. Seguono, Vicenza, Varese e Como tra le province in cui l’incidenza d’acquisto della bevanda è stata maggiore rispetto alla spesa totale.

L’Italia patria di vitigni: bollicine al top

MILANO, 21 novembre 2019 – L’Italia, risulta prima nel mondo per la produzione di vino. I suoi stessi abitanti ne sono grandi consumatori.

A dircelo sono i dati Istat che, infatti, hanno dimostrato come quasi un quinto dei nostri connazionali beve vino tutti i giorni. A questa indagine, si associa lo studio di Supermercato24; il marketplace italiano della spesa online con consegna in giornata.

Secondo l’analisi condotta, nel nostro Paese, sono stati acquistati ben 850.000 litri di vino; con un aumento di circa il 25% rispetto allo scorso anno. E un peso sull’intera categoria di bevande pari al 17%. Due punti percentuali in più rispetto al 2018.

Dall’indagine risulta inoltre, che i connazionali preferiscono le bollicine. Non a caso, nella top 5 degli abitanti del Bel Paese, i primi posti per indice di gradimento sono occupati da 4 vini.

Tra i bianchi troneggia il Pinot Chandonnay; seguito dal vino da tavola e dal Vermentino sardo.

Mentre tra i rossi stravince il Chianti, seguito dallo Shiraz laziale e dal Barbera d’Alba.

Cambia l’origine dei vini nel carrello degli italiani rispetto al 2018.

La classifica di quest’anno vede primi i vini di provenienza veneta. Stabili al secondo posto quelli della Franciacorta. Mentre i toscani scendono in terza posizione, seguiti subito dopo da quelli laziali.

Un posto d’eccellenza, fuori classifica, è dedicato alla produzione Abruzzese pluripremiata, oggi diventata elemento essenziale dell’enologia; assumendo costume a carattere decisamente internazionale.

Si pone l’accento, in aggiunta, all’evento di giorno 23 novembre 2019 che, nell’occasione del Wine Festival XVII Edizione, premierà le migliori cantine Abruzzesi.

Nella sfida all’ultimo calice, Milano batte Roma

Il capoluogo lombardo conquista il gradino più alto del podio; affermandosi come la città italiana dove si è acquistato più vino nel 2019 (2,5% della spesa totale annuale). Seguono Roma (2%) e Torino (1,8%).

Inoltre, i dati di Supermercato24 rivelano che in altre province italiane a minore densità di popolazione, l’incidenza dell’acquisto di vino è stata maggiore rispetto alla spesa totale. Tra queste Vicenza in testa (3,22%), seguita da Varese (3,18%) e Como (2,7%).

“È interessante scoprire quanto gli italiani amino coccolarsi, soprattutto a tavola, accompagnando i loro pasti con un buon bicchiere di vino”, ha dichiarato Federico Sargenti, CEO di Supermercato24. “Analizzare le abitudini di consumo dei nostri clienti e i loro gusti per noi è importante, perché ci permette di capire le loro esigenze e lavorare sempre al meglio per offrire loro un servizio veloce, semplice e puntuale che consenta di effettuare la propria spesa online in totale comodità, da sito come da app”.

Tuttavia, con picchi soprattutto nei periodi più prossimi alle festività, quest’anno, secondo i dati di Supermercato24, l’aumento più rilevante nelle vendite è stato registrato nei mesi di aprile, maggio e settembre.

Un bicchiere al giorno… toglie il medico di torno, basta essere morigerati

Considerando gli aspetti dell’assunzione alcolica e valutandone bene i pro e i contro, Supermercato24 ha coinvolto la dottoressa Tiziana Imbastaro.

La nutrizionista e dietologa di MioDottore, commenta con queste parole:

“Il vino è un prodotto naturale, fonte di zuccheri e nutrienti, che contiene vitamine e numerosi composti antiossidanti, tutte sostanze benefiche per il nostro organismo. Per questo, consumato responsabilmente e in quantità moderata, il vino può avere un effetto positivo sulla salute, soprattutto il vino rosso. Gli acidi d’uva rossa, infatti, contengono una maggior quantità di resveratrolo, una potentissima sostanza antiossidante. In generale, è consigliato bere vino durante i pasti principali e in una quantità complessiva non superiore ai 150 ml complessivi, poco meno di un bicchiere al giorno”.

Commenta:

Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio