A Pescara Tempi moderni

A Pescara Tempi moderni: “Viaggio contemporaneo nel ‘900”

PESCARA – Per il terzo anno consecutivo L’associazione culturale “Spirito del tempo” organizza l’evento denominato “Tempi Moderni – Festival del Novecento”, presso il Circolo Aternino, in Piazza Garibaldi a Pescara, dal 19 al 24 novembre, grazie al patrocinio del Comune di Pescara – Assessorato alla Cultura.

Protagonista del festival è il Novecento; il ventesimo secolo. Il secolo della modernità, con le sue tante anime, le sue tante culture, le correnti artistiche; i momenti storici, dai suoi esordi fino alle influenze esercitate sul presente, fino a toccarne le possibili propaggini verso il futuro.

Senza spirito nostalgico né con toni museali, ma con un pizzico di divertita sfrontatezza; Tempi Moderni è un festival in cui il ‘900 viene raccontato dal nostro presente. Da scrittori, illustratori, artisti, accademici, fotografi, fumettisti, musicisti, ricercatori, creativi tecnologici e di varia estrazione. Incanalati in percorsi che a volte si intersecano, a volte si confrontano reciprocamente, a volte si contrappongono, ma sempre colti nel loro essere materiali del nostro immediato presente.

A Pescara Tempi moderni: “Viaggio contemporaneo nel ‘900”

6 giorni dedicati a presentazioni di libri; mostre di fotografia, illustrazione e fumetto; laboratori e incontri su cinema, musica, arte, storia; spettacoli e performance musicali e teatrali; una sezione tecnologica e videoludica; momenti interattivi (workshop e laboratori creativi per adulti e bambini);

Un festival che nasce dall’esperienza dell’associazione culturale “Spirito del Tempo”, che dal 2009 si impegna a promuovere e organizzare il format “Tweed Ride. La pedalata urbana con stile” (www.tweedride.it). Manifestazione che negli anni è ospitata nelle più importanti città italiane, in cui appassionati di bici e abbigliamento d’epoca primo ‘900 si danno appuntamento per incontrarsi e percorrere le vie delle città sui loro velocipedi portando gioia e sorrisi a suon di campanelli.

Da quella esperienza nasce anche la voglia di estendere quella sensibilità ad un evento festivaliero eclettico e coinvolgente, ospitato in una città dalla identità profondamente novecentesca. L’idea di fondo è quella di ripetere in piccolo l’atmosfera delle grandi esposizioni di primo novecento. Dando vita a un caleidoscopio di momenti di scoperta e aggregazione tra il cittadino ed il tessuto urbano pescarese; in una sede quale il Circolo Aternino, cuore del Festival, luogo dedicato al cenacolo artistico scelto da personaggi come D’Annunzio, Flaiano, Cascella, Pepe, Michetti, edificio che fa risalire la sua edificazione agli anni dell’unità d’Italia, adiacente alla più famosa Casa di D’Annunzio.

Il doppio manifesto di questa edizione è un’opera concepita in esclusiva per Tempi Moderni dall’artista “Foto Marvellini”. Un connubio fulminante tra la fotografia degli albori del ‘900 e il cinema di fantascienza (Blade Runner); che da solo racconta lo spirito del festival. Il programma completo quotidiano è disponibile su www.festivaldelmoderno.it.

Commenta:

Autore dell'articolo: Rocco Bigazzi