Regione Abruzzo

Regione Abruzzo protagonista in Fiera Milano City

La regione Abruzzo è protagonista con Campli alla Borsa Internazionale del Turismo che si è aperta ieri 9 febbraio in Fiera Milano City.

Campli proposta dalla regione Abruzzo al BIT 2020

Il borgo Farnese, con il Santuario della Scala Santa, è tra i luoghi selezionati nell’itinerario proposto alla Borsa internazionale del Turismo a Milano. La Regione Abruzzo ha dato a questa offerta il titolo: L’Abruzzo autentico tra scoperta e spiritualità. Una idea integrata di turismo religioso legato alla Pasqua che vuole Campli accostata ad eventi e luoghi di carattere nazionale e internazionale. Ad esempio la Basilica di Collemaggio e la Perdonanza Celestiniana dell’Aquila. L’itinerario viene presentato martedì 11, alle ore 11, presso lo stand della Regione Abruzzo nel padiglione numero 3 stand B49-B53. Dal 2018 Campli è parte del Club de I Borghi Più Belli d’Italia. Inoltre il paese ha registrato nel 2019 un aumento di visitatori e di accesso all’ufficio turistico pari al 140%. Federico Agostinelli sindaco di della città di Campli ha ringraziato oltre alla Regione anche l’ufficio turistico e i consiglieri delegati Melissa Galli e Agostino Rapini.

Turismo attivo

L’Abruzzo è a Milano per promuovere innanzitutto le sue bellezze e il suo patrimonio culturale. Nelle tre giornate della BIT, nello stand della Regione Abruzzo, saranno organizzati incontri tematici per illustrare programmi e proposte commerciali. Proposte che valorizzano un modello di accoglienza per una vacanza in grado di soddisfare le esigenze di chi vuole vivere il territorio in modo sostenibile. Questo è un turismo attivo sostenibile in una terra che offre un paesaggio variegato a chi cerca una vacanza fra natura, cultura e sport. Infatti il nostro territorio è capace di offrire servizi e pronta per poter accogliere sia sulla costa sia sulle montagne migliaia turisti e visitatori. Per conoscere il programma dei tre giorni alla Borsa Internazionale del turismo qui.

Commenta:

Autore dell'articolo: Mirko Di Leonardo