An To

Il grido di An To contro il bullismo: ‘Ridevano tutti di me’

MONTESILVANO – ‘Ridevano tutti di me’, il grido di An To contro il bullismo. L’ultimo singolo del cantautore di Montesilvano, al secolo Antonio Tagliafierro, è on air da alcuni giorni. Il brano è anche la title track del disco che contiene dieci brani, pubblicato dalla Raimoon Edizioni Musicali.

Il videoclip di “Ridevano tutti di me” è prodotto da Le Brì Production e diretto dal regista Marco D’Andragora. Spiega An To:

“Con il videoclip intendiamo lanciare un messaggio di sensibilizzazione. Il testo della canzone lascia chiaramente trasparire la sofferenza, il senso di alienazione, insicurezza e paura di chi subisce prepotenza e prevaricazione. Sicuramente la migliore strategia per combattere il bullismo è la prevenzione attraverso la diffusione di un clima culturale, sociale ed emotivo che possa scoraggiare sul nascere certi comportamenti”.

‘Ridevano tutti di me’, il grido di An To contro il bullismo

An To, poi, aggiunge quanto segue:

“La scuola è ovviamente il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e ha la responsabilità di farsi portavoce, insieme alla famiglia, di valori che possono aiutare a prevenire il bullismo, come favorire la conoscenza reciproca e il senso di autostima, insegnare l’apertura verso la diversità e il rispetto degli altri”.

Ad arricchire questo brano c’è il featuring di Massimiliano Ciurlino, in arte Massi, un ragazzo autistico che ha collaborato molto volentieri con An To. Molto importante anche la partnership con l’associazione Mede@ Onlus, che è impegnata da anni nella lotta e nel contrasto alle violenze. An To ha partecipato di recente all’inaugurazione dello sportello Mede@ a Ostia.

L’artista tiene molto a “Ridevano tutti di me” perché il pezzo pone al centro un tema delicato e di grande attualità come il bullismo, che An To ha vissuto sulla sua pelle e ha voluto oggi raccontare per far sentire meno soli tutti i giovani che si trovano a subire ogni giorno angherie di ogni tipo.

Commenta:

Autore dell'articolo: Rocco Bigazzi